Nikolaj Bendix Skyum Larsen

Maggio 2014 / Marzo 2015 (diversi periodi dell’anno)

Dal 10 al 30 maggio qwatz organizza la residenza dell’artista Nikolaj Bendix Skyum Larsen, che si svolge a Pizzo Calabro.

Nata con l’obiettivo di produrre una grande installazione dal titolo “End of Dreams”, la residenza permetterà la prosecuzione del progetto “Ode to the Perished” realizzato nel 2011 per la terza Biennale di Tessalonico, attraverso il quale l’artista ha creato un’opera in memoria dei migranti che viaggiano verso l’Europa. L’artista ha scelto di lavorare in Calabria perché interessato ad analizzare l’identità geografica e sociale italiana in rapporto all’immigrazione. La Calabria è stata tra le prime regioni italiane ad essere stata teatro di sbarchi. Questo, unito alla storia e all’archeologia di cui la regione è ricca, offre all’artista la possibilità di sviluppare una riflessione attenta sulla stratificazione storica legata al tema del viaggio e dello scambio culturale.

I lavori di Nikolaj Bendix Skyum Larsen esplorano l’intimità di persone coinvolte in situazioni politicamente ed emotivamente complesse legate alla convivenza sociale. Il suo linguaggio si esprime con video, installazioni, disegni e sculture. Tra i lavori più interessanti, quelli sui migranti e le loro famiglie in U.A.E. e le loro famiglie in India; sulla seconda generazione d’immigrati nei sobborghi di Parigi; sui clandestini a Calais e su una comunità situata nel nord-Peckham, nel sud-est di Londra. Ciò che contraddistingue la ricerca è la capacità di trasformare il linguaggio cinematografico e televisivo più patinato in un’estetica di senso attraverso cui la questione dell’immigrazione viene osservata dal punto di vista della comunità accogliente: occidentale, colta, democratica, evoluta.

La residenza è sponsorizzata dalla DANISH ARTS COUNCIL, con il contributo della FONDAZIONE SANTO LICO, del Residence PIETRE BIANCHE di Pizzo, della società MARINA CARMELO di Vibo Valentia, dell’azienda CALLIPO Progetto Casa, e dell’ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI FIDIA. È inoltre patrocinata dall’Ambasciata Danese a Roma.

Il 21 maggio alle ore 11:00 la CAMERA DI COMMERCIO di Vibo Valentia ospiterà una conferenza stampa durante la quale l’artista presenterà il suo lavoro e i risultati della ricerca in corso.

Il 22 maggio l’ACCADEMIA DI BELLE ARTI di Catanzaro organizzerà una lecture per approfondire il lavoro di Nikolaj Bendix Skyum Larsen e presentarlo agli studenti e al pubblico, valorizzando il possibile dialogo tra artisti internazionali e il territorio locale.

Un ringraziamento particolare a Francesco Sesso (Associazione Mediterraneo) e a Domenico Gallelli che hanno dato entrambi un contributo importante per lo sviluppo della ricerca e della produzione del progetto.
Ha collaborato al progetto come assistente dell’artista Ehab Halabi Abo Kher, ex studente all’ACCADEMIA di BELLE ARTI di Catanzaro e artista lui stesso, e Giuseppe Politi per l’assistenza alle riprese video.

Si ringrazia la Capitaneria di Porto di Vibo Valentia Marina.

Nikolaj Bendix Skyum Larsen è nato nel 1971 ad Aalborg in Danimarca. Ha studiato scultura al Chelsea College of Art e ha conseguito un master in Fine Art & Media Art presso la Slade School of Fine Art entrambi a Londra. Ha realizzato diversi progetti tra Dubai, Calais, la Grecia e la Turchia e ha ottenuto premi e riconoscimenti internazionali. Il suo lavoro è rappresentato sia in collezioni pubbliche che private in Danimarca, Inghilterra, Francia, Grecia, Italia, Norvegia, Emirati Arabi Uniti e USA. Tra le ultime mostre, nel 2012 al PiST/// gallery space; nel 2013 alla TATE Modern di Londra ha partecipato alla collettiva “Word Sound Power” con i lavori Arise e Keep Evans Save Today; a gennaio 2014 ha avuto una personale al SALT Beyolug di Istanbul. Vive tra Londra e Parigi.

Pizzo Calabro, le statue in mare in memoria dei migranti (la Repubblica.it)
Calabria, statue in mare in memoria dei migranti: il video dell’immersione (Repubblica TV)

Premi INVIO per cercare o ESC per chiudere